Museo Nuova Era | Federica Cogo
911
post-template-default,single,single-post,postid-911,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,vertical_menu_enabled,paspartu_enabled,menu-animation-line-through,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Federica Cogo

Federica Cogo (1985) si laurea in pittura, presso l’Accademia di Belle Arti G.B. Cignaroli di Verona portando come tesi l’intero studio e percorso del suo operato artistico. Dopo numerose esposizioni collettive locali, nel 2011 inizia a collaborare con PH Neutro, prima e unica galleria specifica per la fotografia contemporanea che ha sede a Verona e Forte dei Marmi. Nel 2012 si aggiudica a Premioceleste il 2°premio nella sezione video con il lavoro Untitled #1, che la fa esporre presso l’Ex-Gil di Roma. Qualche mese dopo è all’interno del progetto PLAYTIME curato da Cecilia Freschini, che la porta ad esporre a Pechino e successivamente a Milano, in collaborazione con VisualContainer. All’interno del Premio Internazionale Arte Laguna 2013 vince una residenza d’artista presso Lab_Yit in Cina. Durante questo soggiorno espone la sua nuova serie Pollution presso Caochangdi Art District a Pechino. Nello stesso anno entra a far parte dei finalisti nel concorso CO.CO.CO.13 (Como Contemporary Contest 2013), grazie al quale rappresenta con altri 5 artisti la sezione italiana all’interno della biennale europea JCE Jeune Création Européenne. Nel 2014 espone presso The FORMAT gallery a Milano con la sua prima personale The day after the fifth a cura di Daniele De Luigi. Nello stesso anno viene selezionata dal G.A.I. (Associazione Circuito Giovani Artisti Italiani), ed entra a far parte di Giovane Fotografia Italiana #03. Con il progetto espone a Reggio Emilia all’interno di Fotografia Europea 014 la sua serie Stars and Stripes. Successivamente la serie verrà esposta in una bipersonale all’interno di Art Verona con la galleria The FORMAT Gallery. Nel 2015 viene chiamata a partecipare alla Biennale di Monza, dove espone il suo ultimo video Game, a cura di Claudio Cerritelli. Nello stesso anno è tra i finalisti di Premio Ora, dove viene scelta per una mostra personale presso Site Specific, Ragusa. Attualmente collabora con la galleria Art and Ars Gallery di Galatina.